Archives

Qualche domanda a...Enrico Rivetto

Intervista ad Enrico Rivetto, titolare di Az. Agricola Rivetto (Sinio | CN ); l’azienda, fondata nel 1902, produce circa 100/110 mila bottiglie all’anno suddivise in 11 etichette.

Enrico in 140 caratteri: Appassionato (e passionale): di storia (soprattutto quella di famiglia), di geopolitica, del mio lavoro. Curioso, determinato a volte testardo, a tratti iperattivo e iper chiacchierone (infatti 140 caratteri sono pochi ;-) )

Az. Rivetto in 140 caratteri: Il rispetto del vitigno e preservare le ricchezze del territorio sono al centro della nostra filosofia produttiva, che fa tesoro di un’esperienza e una tradizione lunga 4 generazioni.

Vino è…

Connubio intrinseco tra uomo e natura

Tre consulenti/professionisti a cui non rinunceresti mai?

Sergio Molino (consulente enologo esterno) e Ruggero Mazzilli (consulente agronomo BIO esterno).

Se dico ‘vino-nicchia’ e ‘vino-industria’, cosa intendi tu? Qual è la differenza?

Vino nicchia = terroir al centro, vino industria= consumatore al centro

Secondo te il settore vino a che punto si trova con la comunicazione?

In una fase di transizione: dal modo tradizionale di fare comunicazione ha abbracciato i nuovi media e i social network come nuovi canali trasversali.

Cosa manca secondo te alla comunicazione del mondo del vino?

In Italia manca una classificazione adeguata e una spiegazione meno confusionale delle zone di produzione. Occorre un adeguamento dei messaggi ai nuovi mezzi e un rinnovamento delle firme, prive di pregiudizi. Dalla parte dei produttori c’è invece una migliore consapevolezza del mondo della comunicazione che è sicuramente d’aiuto per gli addetti ai lavori.

Per la comunicazione della tua azienda ti affidi ad un consulente?

Per il web ci appoggiamo ad un’azienda esterna. All’interno abbiamo una persona specializzata nel settore che, insieme ad altre mansioni, si occupa della comunicazione.

Comunicare il vino per te significa?

Far comprendere un modo di pensare.

Quali cose ti piacerebbe fossero maggiormente messe in risalto nella comunicazione della tua azienda?

Qualcosa che parole e immagini non possono comunicare: soltanto l’assaggio dei vini può trasmettere un mondo fatto di lavoro, tradizione, pianificazione e un tocco di improvvisazione.

Come ti immagini la tua azienda fra cinque anni?

A dimensione umana, come lo è oggi. Non voglio crescere troppo in termini di numeri: vorrei consolidare i mercati e potermi permettere una gestione serena, senza rincorrere treni su cui tutti vogliono salire, ma decidendo io la velocità della mia corsa.

Come ti immagini il mondo del vino tra cinque anni?

Vivo dal punto di vista produttivo, saturo dal punto di vista dei mercati, cinese dal punto di vista della lingua che dovremo imparare.

Oltre le tue quali sono le bottiglie che non mancano mai nella tua cantina?

Chablis e pinot neri della Borgogna

Qual è il vino di punta della tua azienda?

Barolo Briccolina

Quale la maggiore difficoltà riscontrata nel venderlo?

Non lo so perché inizio a venderlo nel 2012 :-)

Qual è la maggiore difficoltà nel comunicarlo?

Non ho difficoltà nel comunicarlo

Tre aggettivi che descrivono il tuo consumatore ideale

Curioso,curioso,curioso (di mente aperta)

Tre aggettivi per descrivere il consumatore abituale dei tuoi prodotti

Innamorato,innamorato,innamorato

Ogni tuo cliente quante bottiglie acquista, in media, in un anno?

Qualche migliaio

Quali strumenti usi per la comunicazione della tua azienda e dei tuoi vini?

Comunicati stampa con parsimonia, sito web, app, manifestazioni, cataloghi se proprio devo, Social Media, degustazioni in azienda

Hai un ufficio stampa? Personale interno o agenzia esterna?

Personale interno, in passato un ufficio stampa esterno.

Quali strumenti “social”?

Facebook, Blog, Twitter, Youtube, Flickr

Del Web, in generale, cosa ti piace e cosa no?

L’universalità, la trasversalità e il tempo reale mi piacciono. L’uso che qualcuno ne fa può non piacermi a volte.

Il web è ormai parte della nostra vita sociale. Come pensi che questo sistema di relazioni possa aiutare il settore del vino?

Mostrando come il vino viene prodotto: nel mio caso avvicina l’utente alla mia filosofia di produzione, di vita.

Il web ed i suoi strumenti possono essere utili per un prodotto di nicchia?

Cosa ti hanno dato e cosa ti hanno tolto i social media?

Tolto niente, dato visibilità e possibilità di relazionarmi maggiore

La presenza dell’azienda sui Social Media, è stata progettata da un consulente/agenzia o da voi, in totale autonomia?

Con l’aiuto di un’azienda esterna, su mio impulso.

3 consigli che daresti ad un giovane che volesse intraprendere questa avventura.

Attenzione che non è tutto oro quello che luccica- devi avere un po’ di soldi da investire che quasi mai ritorneranno- la passione deve superare i tornaconti e… Buona fortuna!

 

Vuoi aggiungere altro?

Stay thirsty stay foolish

Share on Tumblr

Le altre domande a...

3 comments to Qualche domanda a…Enrico Rivetto