Archives

Qualche domanda a Maurizio Donadi

Intervista a Maurizio Donadi, proprietario di Az. Vitivinicola La Basseta (San Polo di piave| TV); l’azienda, fondata nel 1999, produce circa 6.000 bottiglie di un’unica etichetta il Casa Belfi colfòndo.
…..

Maurizio in 140 caratteri: Enologo e Sommelier lavoro nel mondo del vino fin da piccolo, ho frequentato la scuola di Enologica di Conegliano e l’università di Padova, mi sono appassionato al mondo biologico e biodinamico. Svolgo anche attività di consulenza viticola ed enologica in varie aziende italiane ed estere.
La Basseta in 140 caratteri: la mia è una piccola azienda di soli 5 Ha nella zona del Piave, vigneti molto fitti con un buon investimento di ceppi per ettaro, terreni ciottolosi tipici delle grave, allevamento a cordone spreronato e guyot. Produzione media 100 q/Ha.
Se Maurizio non avesse fatto il produttore di vino avrebbe fatto il veterinario.

Vino è…

Il distillato del mio lavoro

Tre consulenti/professionisti a cui non rinunceresti mai?

Me stesso e il mio gran maestro Fabio Bigolin (enologo).

Se dico ‘vino-nicchia’ e ‘vino-industria’, cosa intendi tu? Qual’è la differenza?

L’industria fa vino di nicchia… non saprei cosa rispondere.

Secondo te il settore vino a che punto si trova con la comunicazione?

Siamo a livelli molto bassi

Cosa manca secondo te alla comunicazione del mondo del vino?

Trasparenza, serietà di chi scrive e la verità… la gente ha bisogno di sapere quel che mangia o beve.

Per la comunicazione della tua azienda ti affidi ad un consulente?

Non ancora ma ci sto pensando.

Comunicare il vino per te significa?

Tutto

Quali cose ti piacerebbe fossero maggiormente messe in risalto nella comunicazione della tua azienda?

Il modo in cui lavoro e saper crescere assieme.

Come ti immagini la tua azienda fra cinque anni?

Che sia conosciuta

Come ti immagini il mondo del vino tra cinque anni?

Cambiato radicalmente.

Oltre le tue quali sono le bottiglie che non mancano mai nella tua cantina?

Io degusto tanto e non ho mai le stesse bottiglie.

Qual è il vino di punta della tua azienda?

Casa Belfi colfòndo.

Quale la maggiore difficoltà riscontrata nel venderlo?

Se non vendo me lo bevo.

Qual’è la maggiore difficoltà nel comunicarlo?

Nessuna.

Ogni tuo cliente quante bottiglie acquista, in media, in un anno?

Non ti so rispondere.

Quali strumenti usi per la comunicazione della tua azienda e dei tuoi vini? (comunicati stampa, sito web, app, manifestazioni, cataloghi, Social Media, altro)

Sito, social, vino stesso in fiere o manifestazioni.

Hai un ufficio stampa? Personale interno o agenzia esterna?

no

Quali strumenti “social”? (Facebook, blog, altri SN, altro)

FaceBook, blog.

Del Web, in generale, cosa ti piace e cosa no?

Che posso scrivere quello che voglio e cambiare continuamente

Il web è ormai parte della nostra vita sociale. Come pensi che questo sistema di relazioni possa aiutare il settore del vino?

A conoscere la verità sui prodotti, far conoscere anche le nostre piccole aziende che non abbiamo i soldi per far campagna pubblicitaria

Il web ed i suoi strumenti possono essere utili per un prodotto di nicchia?

Sicuramente si.

Cosa ti hanno dato e cosa ti hanno tolto i social media?

Visibilità e tolto tempo ogni giorno.

La presenza dell’azienda sui Social Media, è stata progettata da un consulente/agenzia o da voi, in totale autonomia?

In autonomia

3 consigli che daresti ad un giovane che volesse intraprendere questa avventura.

Muoviti salta in barca, stai attento a quel che scrivi e di sempre la verità in quel che fai…

 

1 comment to Qualche domanda a Maurizio Donadi

You must be logged in to post a comment.