Archives

Qualche domanda a Emanuele Coveri

Intervista a Emanuele Coveri, co-titolare di Terre Contese (Terre del Sole, FC); l’azienda, fondata nel 2005, produce circa 15.000 bottiglie all’anno suddivise in 2 etichette. A breve una nuova etichetta, l’Albana di Romagna.

Vino è…

…goliardia, gusto del vivere, piacere, fatica, stress, rischio, amore per un sogno, soddisfazione personale, riscoperta della pazienza e del valore del tempo.

cosa ti ha dato il Web?

A-mici

cosa ti hanno dato i social media?

Ancora più A-mici

Cosa ti hanno tolto i social media?

Altro tempo per me stesso.

Il web è ormai parte della nostra vita sociale. Come pensi che questo sistema di relazioni possa aiutare il settore del wine?

Penso che possa aiutarlo nel momento in cui NOI siamo padroni dello strumento.

Secondo te il settore Wine a che punto si trova con la comunicazione?

In questo momento vedo molta confusione ed eccesso di informazione inutile.

Il web, inteso come estensione delle dinamiche sociali, ed i suoi strumenti possono essere utili per un prodotto di nicchia?

Abbastanza, solo se chi lo usa conosce bene le dinamiche di utilizzo degli strumenti del web.

Qual è il vino di punta della tua azienda, in termini di fatturato?

Estremo Confine

Qual è il vino di punta della tua azienda, in termini di comunicazione?

Dogana21

Quale la maggiore difficoltà riscontrata nel venderlo?

Il prezzo

Qual’è la maggiore difficoltà nel comunicarlo?

La mancanza di risorse in termini economici.

Tre aggettivi che descrivono il tuo consumatore ideale?

Curioso, interessato, amante dello star bene a tavola.

Tre aggettivi per descrivere il consumatore abituale dei tuoi prodotti?

Curioso, interessato, amante dello star bene a tavola.

Cosa manca secondo te alla comunicazione del mondo del vino?

Personalità.

Come ti immagini la tua azienda fra cinque anni?

Più stabile.

Come ti immagini il mondo del vino tra cinque anni?

Meno in crisi.

Oltre le tue quali sono le bottiglie che non mancano mai nella tua cantina?

Sangiovese e Prosecco.

Ogni tuo cliente quante bottiglie consuma, in media, in un anno?

Un ristorante intorno alle 150btt, un privato ca 24btt.

Comunicare il vino per te significa?

Comunicare me stesso.

Tre consulenti/professionisti a cui non rinunceresti mai?

Enologo, agronomo e commercialista.

Per la comunicazione della tua azienda ti affidi ad un consulente?

no

Hai un ufficio stampa?

no

Social Media strategy, farina del tuo sacco o agenzia?

Per ora farina del mio sacco; se avessi le risorse mi affiderei ad un’agenzia.

Sei produttore per scelta o per obbligo?

Per scelta.

Se dico ‘vino-nicchia’ e ‘vino-industria’, cosa intendi tu? Qual’è la differenza?

Vino-nicchia: prodotto di ottima fattura e con delle buone caratteristiche organolettiche realizzato per il cliente curioso ed interessato, non reperibile facilmente; vino-industria: prodotto su larga scala ottimo per ogni occasione e molto attento al prezzo e alla distribuzione.

3 consigli che daresti ad un giovane che volesse intraprendere questa avventura?

Non lo fare, fallo se puoi sostenerlo in anticipo, una volta che sei dentro non ne esci più.

Terre Contese in 140 caratteri:

Quelli delle viti al contrario – la sfida che tre giovani lanciano a se stessi per affondare lo stereotipo più difficile: “che tra amici e parenti non si può fare: le società sono giuste se composte in numero dispari e minore di 3″.

Emanuele Coveri, in 140 caratteri:

Un uomo che vive all’ estremo basando le proprie scelte sulla teoria dell’ equilibrio.

Se non avessi fatto il produttore di vino cosa avresti fatto nella vita?

…il commerciale turistico.

 

Share on Tumblr

Le altre domande a...

2 comments to Qualche domanda a Emanuele Coveri