Archives

Scrivendo di vino

PDF Pen“Sorride, quasi beffardo. Devi sapere che io, in realtà, sono un vecchio egoista.
Tutte le persone che ho visto non sono affatto venute a mani vuote, portavano un dono: un bicchiere di parole. Un bicchiere di parole per ogni bicchiere di vino. Lei è arrivato con un’armatura di domande: quando le chiedevo di lei, glissava. Come in questo bicchiere di vino lei scopre subito il profumo evidente della frutta bianca che però non le impedisce di coglierne, sullo sfondo, un sentore quasi speziato, così le parole che mi porta la gente mi svelano dapprima le loro storie e poi i colori delle loro anime. Con il suo silenzio lei mi voleva negare la vendemmia della sua vita. La mia poesia è il frutto di queste vendemmie serali, al fresco di questa loggia davanti ad una bottiglia che si svuota tra le chiacchiere.”

[Un bicchiere di parole, Stefano Bianchi]

”Questa è una vigna di pinot grigio, matura presto e la vendemmio per prima. Ma lascio alla vigna uno dei suoi grappoli migliori, per ingraziarmela per l’anno prossimo.”
[La vigna stregata, Sebastiano Carron]

“Io aspetto. Paziente. Nella penombra in cui ghiaccio, dimenticato da trent’anni, attendo che qualcuno varchi questa soglia e chieda di me. Nel frattempo, guardo gli uomini e le donne che un sorso di vino rende più felici. Una magia spicciolata, eppure sempre accade.
Sera dopo sera, giorno dopo giorno.
Anno dopo anno.”

[Un sorso di magia, Serena Stringher]

Stralci dei tre racconti vincitori del IV premio letterario Santa Margherita.

“Ancora non sapevo, allora, che l’epopea holliwoodiana è difficilmente riproducibile nella vita di tutti i giorni. Nonostante la colletta, dovetti accontentarmi di una bottiglia di rosato, anziché il Dom Pérignon del film.”
[Messaggio in bottiglia, Martino Gozzi]

“Alcibiade e Socrate, due esempi opposti: il cattivo e del buon uso del vino.”
[Vino, Eva Cantarella]

“E quando prendo il primo sorso sento sul palato le nuvole prima del tuono, la profondità di una foss oceanica, l’opaco specchio della grafite….
E prendo un altro sorso, e sento la densità del petrolio, l’epilogo di un racconto di Poe, la formula di un incantesimo malvagio.”

[Le notti folli del vino nero, Piersandro Pallavicini]

Stralci dei tre racconti degli autori DOC.

You must be logged in to post a comment.