Archives

Novembre

“A novembre, la città si spense in un istante, tu dicevi basta e io rimasi inerme…”
Il tormentone musicale di questo periodo, mi ha fatto pensare al mese di Novembre; un mese che, per me non è mai stato né significativo, né degno di nota. Uno insomma che passa via e non lascia il segno.

Un mese generalmente caratterizzato da freddo, pioggia, alberi dai colori spenti e scuri; un mese che insomma, a me, mette un po’ di tristezza. A volte ti elargisce giornate dai colori dorati, col cielo azzurrino e l’arietta frizzantina…

Riflettendo, quest’ultimo Novembre è stato davvero un mesaccio intenso e che mi ha lasciato l’amaro in bocca..Un mese demoralizzante, lo definirei.

Da questa riflessione è nata la frase scritta sulla bacheca di FB:

“..penso che l’inaffidabilità stia sempre più dilagando tra i costumi”, o qualcosa di simile..

Novembre s’è aperto col “Cancellami” di un editore; che mi ha lasciata sconcertata e mortificata.

E’ proseguito con la latitanza di un produttore che non intende pagare una fattura per un CS, dal momento che ( dice lui) “..avevo cambiato un paio di parole e lui non aveva dato ok definitivo alla release..quindi non devo pagare”. E allora perché (dico io) non te li scrivi da solo i CS? E poi che ragionamento è? Saprò bene, io, cosa, come, quando, perché, ( a ) chi scrivere…! E anche fosse, io ho lavorato, tu mi paghi…

Si sono susseguiti i canonici:

“Sì, ne parliamo domani…”, perché domani è un altro giorno…

“Ok, magari l’anno prossimo…”, perché meglio prendersi tempo per riflettere…

“Faccio faccio…son preso, sai…”, perché solo gli altri sono indaffarati, io no, pettino le bambole…

“Ah? Ma ti avevo detto così?…no, non posso…”, e me lo dici ora che non puoi???

“La consegna?!…ohh, me ne sono proprio dimenticato…”, certo, tanto gli importatori affidabili son lì ad aspettare te…

Piccolo elenco di citazioni che non devono essere ritenute esaustive…

TRalasciando, ovviamente, citazioni di vita personale..

La ciliegina sulla torta, una collaborazione interrotta ( da parte del cliente) dall’oggi al domani ( ovviamente ancora con un consistente arretrato…), perché “…sai, è un periodo difficile, c’è crisi; sprecar soldi nelle pubbliche relazioni, è troppo…Da oggi se ne occupa la segretaria: è una gran chiacchierona e ci sa fare coi clienti…”

Ecco, questo Novembre mi ha talmente demoralizzato che, di fronte all’ultima affermazione, anziché indignarmi, ribattere, spargere il verbo delle rp…ho laconicamente risposto..

“Già, è proprio quello che vi ci vuole…”.

1 comment to Novembre

  • alberto

    Mi permetto di citare direttamente una massima di Thomas Jefferson riportata da un interessantissimo sito (http://www.biscomarketing.it):
    “The man who stops advertising to save money is like the man who stops the clock to save time.”

    Purtroppo sono in tanti che in questo momento stanno fermando l'orologio…
    E con loro l'ironia …già, é proprio quel che ci vuole…

    alberto

You must be logged in to post a comment.